News dalla Rete

Dall’America uno studio sui comportamenti aggressivi dei bambini a causa della tv

images-3.jpgI bambini di tre anni che passano piu’ tempo davanti alla Tv hanno comportamenti piu’ aggressivi.

Da uno studio condotto dalla University of Albany e da altre universita’ statunitensi, infatti, e’ emersa una forte associazione tra aggressivita’ ed esposizione alla televisione da piccoli.

“Piu’ ore si passa davanti alla Tv, piu’ aumentano le chance di sviluppare tendenze aggressive con l’avanzare dell’eta’”, ha spiegato Jennifer A. Manganello, prima autrice dello studio pubblicato sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine. “L’aggressivita’ giovanile puo’ essere un problema per genitori e insegnanti, e anche prevedere comportamenti piu’ seri come atti di delinquenza in eta’ adulta”. Dopo la musica, la televisione e’ il mezzo di comunicazione al quale i bambini dagli 0 ai 3 anni d’eta’ sono piu’ esposti. Tuttavia, secondo Manganello, la American Academy of Pediatrics non suggerisce controlli dell’uso della Tv per quella fascia di eta’.

I ricercatori hanno allora intervistato oltre 3.128 genitori di bambini nati tra il 1998 e il 2000, sia al momento della nascita che dopo tre anni di vita. I bambini che vedevano piu’ televisione, secondo i risultati, erano anche quelli tendenzialmente piu’ violenti. “I fattori che contribuiscono ai comportamenti aggressivi sono molti, e riguardano principalmente l’ambiente domestico. La Tv tuttavia potrebbe essere considerato come un fattore indipendente”, ha detto Manganello. “La spiegazione potrebbe risiedere nel fatto che guardare tanta televisione toglie tempo a un rapporto diretto con i genitori.

L’esposizione alla Tv potrebbe anche significare esposizione a contenuti non adatti a un bambino. Infine, la Tv potrebbe influenzare anche gli orari delle attivita’ di routine giornaliera dei bambini, come mangiare e dormire”, ha concluso.

(4 Novembre 2009)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.