Abusivi nelle scuole al posto dei bambini

images-4.jpgAsili occupati, bambini a casa. E chi toglie spazi alle famiglie, con un’emergenza aule da brividi, ottiene pure la residenza nelle strutture pubbliche usurpate.

Succede anche in XIII Municipio, dove la crescita demografica non conosce crisi e ogni anno rientrare nelle graduatorie delle strutture dell’infanzia è un terno al lotto. Quasi 2800 i bambini tra 0 e 6 anni costretti a casa per la carenza di spazi nei nidi e nelle materne. Oltre 400 i posti che potrebbero essere recuperati sgomberando le tre scuole occupate tra Ostia e Acilia.

Mentre le 83 strutture presenti sul territorio sono riuscite a ospitare appena 950 bambini e si prevede per i prossimi 3 anni l’apertura di 7 nuovi asili, mentre infine si corre al convenzionamento di quante più scuole private possibili, 3 asili sono da tempo domicilio di una quarantina di famiglie che all’interno degli edifici occupati hanno tramezzato, istallato parabole e sistemato cassette della posta, allacciandosi abusivamente alla corrente elettrica. Ma d’altronde «la residenza è un diritto e ognuno può decidere di abitare dove vuole: perfino in una grotta, finanche in una scuola pubblica».

Lo dice l’assessore alla Scuola del XIII Municipio Ludovico Pace, lo confermano i vertici dell’ufficio anagrafico e i vigili urbani, incaricati di constatare le occupazioni in atto e a fare rapporto agli organi competenti. La palma dell’occupazione più longeva va ai plessi di via Orrei, al civico 89, all’interno del parco X Giugno. Sei container in tutto, di cui 5 occupati. Quindici anni fa vi si insediarono un gruppo di famiglie che tuttora li abitano: 15 le persone, di cui 4 minorenni, che risultano a oggi residenti e che hanno fatto dell’ex asilo alle spalle dell’accademia della Guardia di Finanza un vero e proprio villaggio recintato con tanto di giochi per bambini in un angolo e ammassi di lamiere in un altro. Poi la struttura in via dei Basaldella, per cui si attende la trasformazione in scuola dell’infanzia.

L’edificio, costruito 7 anni fa, non fece neanche in tempo ad esser consegnato ai bambini del quartiere, ad Acilia, che venne occupato da un gruppo di italiani e stranieri. La scuola, in cemento armato, è stata divisa in mini appartamenti dai 55 inquilini, tra cui 17 bambini, per i quali già con una delibera, la n.110 del 23/05/2005, il Comune si era impegnato a trovare una sistemazione in strutture di emergenza entro il 31/07/2006. Nel frattempo l’asilo ha subito un incendio, un allagamento negli scantinati, e diverse visite delle forze dell’ordine che all’interno della struttura hanno trovato merce contraffatta e droga. Infine il prefabbricato al civico 100 di via Gino Bonichi, sempre ad Acilia.

I sigilli, messi per la presenza di eternit, sono stati tolti da un gruppo di 25 persone, 5 bambini, che il 30 marzo scorso la occuparono dopo esser stati sgomberati dalla scuola di viale Vega, a Ostia. Proprio questo esempio rivela che liberare le strutture pubbliche occupate è possibile. A patto di trovare sistemazioni alternative per le famiglie che le abitano.

(27 Settembre 2009)

One Response to "Abusivi nelle scuole al posto dei bambini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PageLines