Me Agape Reportage

Ghana, dove le femmine sono streghe

Oltre 600 mila bambini sfruttati nelle piantagioni di cacao. E migliaia di bambine considerate streghe e per questo affidate dai genitori a santoni che “per guarirle dalla maledizione” le torturano, mutilano, avvelenano, violentano, uccidono.

Accade in Ghana, se una famiglia subisce un lutto, una malattia, un problema economico: spesso ad essere incolpati sono proprio i piccoli o gli anziani della famiglia. Ma soprattutto le femmine, accusate di stregoneria, di essere possedute dagli spiriti maligni, vengono abbandonate a loro stesse, quasi sempre con il consenso dei genitori, terrorizzati dalle conseguenze di una maledizione sulla loro famiglia. “Bisogna salvare questi bambini – dice Giovanna Reda, presidente della Ong World Vision Italia 1, che dal ’79 lavora, con i suoi Programmi di Sviluppo Territoriale, in 34 aree del Ghana – e bisogna farlo subito. Per questo partiamo con la campagna di sostegno a distanza “Un sogno per il Ghana”. Vogliamo salvare cinquecento bambini entro il 31 gennaio 2011″.

Il progetto partirà nella zona di Kassena Nankana West, nel Nord-Est del Paese, dove povertà e fame, malattie legate all’uso di acqua non potabile si uniscono ai mali sociali: l’analfabetismo, la superstizione, la credenza nella stregoneria. Sono diversi i progetti messi i piedi da World Vision in questa zona: alcuni per la salute, considerato che nel 2002 il 92% dei medici specializzati ha lasciato il Paese; altri per l’igiene, dato che il 78% della popolazione non ha un sistema igienico sanitario adeguato; altri ancora per l’acqua potabile, inaccessibile per il 48% della popolazione; ma anche per l’istruzione e lo sviluppo sociale. “Tra le tradizioni radicate in Ghana – spiega Giovanna Reda – voglio ricordarne una in teoria bandita dalla legge: la Trokosi, che in lingua Ewe significa schiava di Dio. E’ una forma di schiavitù molto radicata nel Nord del Paese che obbliga migliaia di giovani donne e bambine a vivere come schiave e concubine al servizio di un sacerdote del tempio al fine di espiare colpe – spesso piccoli reati minori – commessi dai loro familiari”.

La “schiavitù religiosa”, a questa forma se ne affianca un’altra ancora più diffusa: lo sfruttamento del lavoro minorile nelle piantagioni di cacao. E qui si apre un altro capitolo drammatico: in Costa D’Avorio e in Ghana, Paesi dove i bambini non possono permettersi di comprare un pezzetto di cioccolato, si produce il 70% del cacao a livello mondiale. Per tenere basso il prezzo ed essere competitivi sul mercato internazionale, i governi africani fanno pressione sugli agricoltori locali per ridurre al massimo i costi di produzione: da qui lo sfruttamento dei bambini che si traduce in grossi profitti solo per produttori ed esportatori.

Sono 750 mila i bambini sfruttati tra i 5 e i 14 anni (circa il 27,6%); le bambine sono circa 660 mila (circa il 26%), per un totale di 1.410 mila ragazzi prigionieri dello sfruttamento minorile. Spesso ognuno di questi piccoli schiavi ha alle spalle la morte o la malattia di un genitore, un indebitamento o semplicemente la necessità di incrementare le entrate familiari. In Ghana la maggioranza della popolazione vive con meno di 1 dollaro al giorno e molto spesso le famiglie dipendono dal reddito dei bambini per sopravvivere. I bambini sono così costretti a lavorare a ritmi estenuanti, passano intere giornate a trasportare carichi pesanti, maneggiare pericolosi machete per raccogliere i baccelli di cacao e togliere il fogliame dagli alberi più alti: oltre la metà di loro, inoltre, mescolano e spruzzano pesticidi, stanno vicino al fuoco, il tutto senza alcun tipo di protezione. Molti bambini hanno poco più di sei anni e vengono costretti a lavorare anche ottanta, cento ore a settimana. Vengono maltrattati, malnutriti e perdono per sempre la speranza di poter, un giorno, tornare a scuola.

In questa drammatica e larga rete si muovono inoltre organizzazioni criminali che trafficano i bambini tra i vari stati africani per farli lavorare nelle piantagioni. A volte, sono le stesse famiglie che affidano loro i propri figli. Per questo in molte aree povere dell’Africa sub sahariana, specie nelle aree rurali, la schiavitù infantile è purtroppo una piaga sociale molto diffusa. Come si fa per aiutare questi bambini? “Con il sostegno a distanza – spiega Giovanna Reda – bastano 25 euro al mese, cioè meno di un euro al giorno, per aiutare un bambino in Ghana. Il sostenitore italiano può andare a trovare il piccolo nel suo villaggio, scrivergli, mandargli doni, andare a verificare come sta. Con il tempo, si crea un vero rapporto e per questo è importante che il sostegno duri più a lungo possibile, fino ad accompagnare il bambino nella maggiore età”.

Se i vari progetti che l’associazione umanitaria internazionale ha avviato in questa zona dell’Africa Occidentale andranno a buon fine, ne beneficeranno circa 31 mila persone tra adulti e bambini di 54 comunità che vivono nell’area di Kassena Nankana.

(2 Novembre 2010)

Un pensiero su “Ghana, dove le femmine sono streghe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.