News dalla Rete

Mamme in carriera, Papà a casa

Pubblicato il

La donna di successo che è anche madre ha bisogno di un marito casalingo. Un compagno che si occupi dei figli, che mandi avanti la casa, che abbia sotto controllo i compiti così come le lezioni di karate e di pianoforte.

La tesi arriva da un’esperta: Helena Morrissey, amministratore delegato del gruppo d’investimento Newton. Quella che è considerata la donna più potente della City gestisce un fondo di circa 50 miliardi di sterline e 400 dipendenti. Ogni sera alle 18 stacca e corre a casa dai nove figli. «L’idea che una donna possa avere una famiglia, un gruppo di amici e allo stesso tempo un lavoro duro e impegnativo quando anche il marito lavora a tempo pieno è, se non impossibile, poco realistica» , ha sottolineato Morrissey al Sunday Times. «Qualcosa alla fine cede. Abbiamo bisogno di un nuovo modo di pensare e di vedere le cose. Forse al momento c’è un po’ di negatività attorno alla figura di un uomo che lascia il lavoro per occuparsi dei figli, ma sicuramente aiuterebbe a spianare la strada per le donne» .

La sua strada è libera dai tempi in cui aspettava il quarto figlio. Il marito Richard, allora, faceva il giornalista. Insieme hanno deciso che sarebbe stato lui a rinunciare al lavoro e a rimanere a casa. «È una parte importante dell’equazione — ha precisato Morrissey —. È difficile per due genitori che lavorano a tempo pieno tirare su figli felici ed equilibrati» . Il signor Morrissey, oltre che a fare il casalingo (con tata, chiaramente), nell’arco degli anni ha messo nel cassetto la laurea in Legge presa all’università di Cambridge e studiato filosofia buddhista, così adesso fa lezioni di meditazione. I bambini? Hanno dai 2 ai 19 anni, il più grande è in collegio (a Eton), l’anno prossimo andrà all’università.

Nel mondo anglosassone la figura del marito casalingo — house husband, o Sahd, stay at home dad — è sempre più comune. Sarebbero oltre duecentomila gli uomini con figli che, per scelta o circostanze, sono a casa a rifare i letti, a preparare la cena e prendersi cura della famiglia. L’incidenza sale nell’ambiente della finanza e del business. A un summit di donne di successo organizzato l’anno scorso dalla rivista Fortune un terzo delle partecipanti aveva un marito a casa.

Per Lucy Kellaway, editorialista del Financial Times, si tratta di un fenomeno accertato. «Se la donna di successo oggi non arriva ai massimi livelli — ha scritto — è perché viene ostacolata non sul lavoro quanto a casa: vuole dire che ha sposato un uomo che mette la sua carriera prima di quella della moglie» . Kellaway ha scavato nel menage privato delle cinquanta donne di maggior successo al mondo e trovato dati interessanti. Quasi tutte hanno figli, ma nessuna sembra aver sposato un uomo alpha, ovvero professionalmente aggressivo e ambizioso. «Indra Nooyi, amministratore delegato di Pepsi, ha un marito che si è messo in proprio per seguire la moglie e prendersi cura dei figli, idem Irene Rosenfeld, alla guida di Kraft, idem Ursula Burns, di Xerox».

Per Morrissey la questione dell’equilibrio familiare e della divisione delle mansioni domestiche è particolarmente importante: il suo nuovo obiettivo, infatti, tocca tutte le donne professioniste. L’anno scorso ha fondato il 30%Club, un gruppo che mira, entro il 2015, a portare più donne nel consiglio d’amministrazione delle maggiori aziende del Regno Unito. Oggi solo il 12.5%dei dirigenti sono donne. Una cifra che Morrissey vuole più che raddoppiare in quattro anni. «Come mai sono così poche le donne ai vertici?» , si è chiesta. «Per tutto l’iter accademico hanno gli stessi voti degli uomini, cosa succede dopo, non posso credere che si perdano a 30 anni. Abbiamo la tecnologia per permettere alla gente di lavorare da casa e part-time. Tutte le ricerche realizzate in questo campo traggono le stesse conclusioni: le società che si avvalgono delle donne ottengono risultati migliori» .

(11 Luglio 2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.