News dalla Rete

Presentato lo studio dell’Unicef realizzato dal Centro Ricerca Innocenti

images-1.jpgCirca l’80% dei bambini dai 3 ai 6 anni del mondo ricco frequenta una struttura di servizi educativi e assistenza per la prima infanzia.

Per i bambini sotto i 3 anni la percentuale si attesta intorno al 25%, fino ad arrivare al 50% nei singoli Paesi Ocse. Sono i dati dell’Innocenti Report Card 8, “Come cambia la cura dell’infanzia” che è stata presentata ieri alla stampa nel corso di una conferenza a Roma dall’Unicef.Lo studio ha rivelato che è in corso un grande cambiamento per l’infanzia nei Paesi economicamente più avanzati. Negli ultimi dieci anni in molti paesi si è iniziato a registrare un forte aumento del numero di bambini di età inferiore a 1 anno che viene assistito fuori casa.

“Questi cambiamenti – spiega l’Unicef – in parte riflettono le nuove opportunità occupazionali per le donne, ma in parte anche le loro nuove esigenze. Più povera è la famiglia maggiore e pressante è la necessità di tornare a lavorare il più presto possibile dopo la nascita. Spesso si tratta di posti di lavoro non qualificati e mal retribuiti”.

Per i servizi alla prima infanzia il nostro paese si colloca al 16mo posto, soddisfacendo appena 4 dei 10 standard minimi di base. Al primo posto della classifica, con il 100% del rispetto dei parametri, c’è la Svezia, seguita da Islanda (9 su 10), Danimarca, Finlandia, Francia e Norvegia che ne soddisfano 8. All’ultimo posto, il Canada e l’Irlanda con un solo parametro soddisfatto. Dallo studio emerge che l’Italia non brilla in quanto a spesa pubblica: per i servizi alla prima infanzia lo Stato spende solo lo 0,5% del Pil, contro la media dei paesi Ocse che si attesta sullo 0,7%. Non assicura neanche un livello basso di povertà infantile, individuata dall’Ocse sotto il 10%, e neppure la copertura universale dei servizi sanitari di base per l’ infanzia.

In questo parametro vengono tenuti in considerazione le vaccinazioni (in Italia la copertura si ferma al 93,3% rispetto allo standard del 95%), il tasso di mortalità infantile (4,7 ogni mille nati vivi rispetto allo standard del 4 per mille) e il numero di bambini nati sottopeso (6,7% contro lo standard fermo a 6%). Basandosi su valutazioni di esperti universitari e governativi, il Report Card 8 propone dieci parametri di riferimento per monitorare e paragonare i progressi nei servizi educativi e nella cura della prima infanzia nei paesi Ocse.

“I parametri di riferimento proposti – spiega Marta Santos Pais, direttore dell’Unicef Centro di Ricerca Innocenti – devono essere considerati come un primo passo verso l’istituzione di una serie di standard minimi che facilitino buoni sviluppi nella prima infanzia”. Oggi solo la Svezia soddisfa tutti i dieci parametri suggeriti, seguita dall’Islanda, che ne soddisfa nove, e da Danimarca, Finlandia, Francia e Norvegia, che ne soddisfano otto. Questi sono gli stessi sei paesi ai vertici della classifica riferita alla spesa dei governi per i servizi alla prima infanzia.

L’Italia ne soddisfa appena quattro (standard minimi di base): un piano nazionale che dia priorità alle persone svantaggiate, servizi educativi per l’infanzia finanziati e qualificati per l’80% dei bambini di 4 anni, formazione dell’80% di tutto il personale di assistenza all’infanzia, 50% del personale dei servizi educativi per l’infanzia qualificati con istruzione di livello universitario e relative qualifiche. Secondo i dati emersi dallo studio, per i servizi alla prima infanzia lo Stato spende appena lo 0,5% del Pil, contro la media dei paesi Ocse che si attesta sullo 0,7%.

(15 Dicembre 2008)

Un pensiero su “Presentato lo studio dell’Unicef realizzato dal Centro Ricerca Innocenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.